Home > J League 1: dove scommettere, storia e regolamento
Scommesse J League Giappone

J League 1: dove scommettere, storia e regolamento

Pronostici J.League 2018 – 2019

In questa pagina:

  • La storia e il regolamento della J League giapponese
  • i migliori bookmaker .com per le tue scommesse sulla massima serie giapponese
  • i bonus, le promozioni e i rimborsi offerti dai bookmaker per la Lega J

Siti di scommesse J League 2018 – 2019

  • Betrally sport: app, opinioni e bonus di benvenuto
    100% fino a 50€
  • Melbet Italia: opinioni, contatti, mobile, streaming
    100€ o 30€ free bet
  • Bet2U: recensioni, bonus di benvenuto, mobile app
    300€ + 75€ free bet
  • ReloadBet Italia: recensioni e bonus di benvenuto
    100% fino a 120€
  • Winbrokes Italia: scommesse, bonus, recensione, promozioni
    25% fino a 500€
  • Betn1: scommesse online, recensione, bonus benvenuto, contatti
    200€ + 5€ free bet
  • Lsbet scommesse: contatti, bonus, promo
    100% fino a 100€
  • Betworld: recensioni, opinioni, app e bonus
    100% fino a 100€
  • Betrebels sport: opinioni, bonus, mobile app
    50% fino a 100€
  • La recensione di Exclusive Bet
    100% fino a 100€
  • Bonkersbet: opinioni, bonus e contatti.
    100% fino a 100€

Storia della JLeague

La Lega J Giappone, conosciuta internazionalmente come J League 1, è la principale serie calcistica giapponese. Gestita dalla Japan Pro Soccer League, è stata fondata nel 1992 in sostituzione della precedente JSL (Japan Soccer League), amatoriale, in qualità di prima categoria del calcio del Paese asiatico.

Come abbiamo avuto modo di rammentare poche righe fa, la J League venne creata solamente nel 1992, in una epoca di presa di consapevolezza del calcio professionistico in tutta l’Asia. Inizialmente presero parte alla competizione sole 10 squadre, ma con il passare degli anni – e dei fatturati – vennero ammesse ulteriori formazioni, fino ad arrivare all’attuale numero di 18 partecipanti.

Il regolamento

Dal 2017, nella J1 League è in vigore un nuovo regolamento, molto più semplice del precedente, che prevede che la vincitrice del torneo sia la prima classificata al termine della stagione regolare.

Ad onor di cronaca, ricordiamo invece che il regolamento precedentemente in vigore era per certi versi simile a quello previsto tempo addietro e prevedeva un formato con 2 diversi stage (corrispondenti ai gironi di andata e di ritorno). Il titolo di campione nazionale veniva assegnato mediante un mini torneo ad eliminazione diretta, a cui partecipavano 5 squadre:

  • la squadra vincitrice del primo stage;
  • la squadra vincitrice del secondo stage;
  • le altre 3 sono le prime squadre per numero di punti totali nella stagione regolare (cioè, come sommatoria tra i punti dell’andata e quelli del ritorno).

Sempre in base al precedente regolamento, la prima squadra classificata nella stagione regolare accedeva direttamente alla finale, mentre le altre 4 si fronteggiavano in gare di play off per poter determinare chi fosse l’altra finalista.

In particolare, la vincitrice di stage che aveva il maggior numero di punti nello stage vinto, affrontava la terza classificata nella stagione regolare, mentre la vincitrice di stage con il minor numero di punti nello stage affrontava la seconda classificata nella stagione regolare.

Insomma, un meccanismo sicuramente più complicato di quello odierno che, invece, ricalca quanto in uso in molti campionati internazionali, come quello italiano.

Dove scommettere sulla JLeague

Di seguito vedremo i siti che offrono le migliori quote sul principale campionato giapponese.

Le squadre più forti e rappresentative

Attualmente la principale detentrice di vittorie in J League 1 è Kashima Antlers, con 8 edizioni alle spalle (l’ultima delle quali, nel 2016). Le ultime due edizioni sono tuttavia state vinte dal Kawasaki Frontale.

I nomi delle squadre giapponesi

Chiudiamo con un piccola curiosità: verificando i nomi delle squadre partecipanti al massimo campionato di calcio giapponese probabilmente vi sarete resi conto che molte di queste denominazioni richiamano alla mente delle parole italiane.

Ebbene, non ci sono grandi sorprese nello scoprire che per i giapponesi il calcio italiano (e in generale l’Italia) è un vero e proprio punto di riferimento stilistico. Dunque, abbonda il sounding nostrano: si pensi allo Shonan Bellmare, che è una combinazione di “bello” e “mare” proprio per indicare la bellezza delle coste di Shonan, o magari al Sanfrecce.

La squadra di Hiroshima, che fa contemporaneo riferimento ad una leggenda locale legata al numero tre (“san”) e alle frecce… con il vocabolo che è stato carpito proprio dal dizionario italiano!

Chiudiamo con il sito ufficiale della JLeague: JLEAGUE.JP.