Home > Primi Passi > Strategie Poker: impara a controllare le emozioni
strategie poker

Strategie Poker: impara a controllare le emozioni

Una delle strategie Poker basilari da imparare per riuscire a vincere in questo fantastico sport è senza dubbio il controllo emotivo. Cosa significa esattamente? Che nel momento in cui tu saprai anche ogni più piccolo dettaglio tecnico del gioco, il calcolo delle probabilità e tutti i trucchi possibili e immaginabili, senza un vero controllo delle espressioni sul tuo volto ti sarà comunque molto difficile sperare di vincere ad alti livelli. Questo perché nel Poker le emozioni come rabbia, paura e strafottenza possono portare facilmente alla sconfitta, perché lasciano trasparire degli atteggiamenti che i giocatori più smaliziati sapranno ricondurre ad un tuo preciso modo di giocare, ad un buon punto che hai in mano oppure persino a una strategia.

STRATEGIE POKER: COME USARE LE EMOZIONI

Bisogna saper fare essenzialmente due cose: sfruttare gli evidenti sbalzi emotivi degli avversari a tuo vantaggio e, di contro, saperti difendere da chi cerca di capire in che modo ragioni tramite i tuoi gesti e le tue espressioni facciali. Nel primo caso ci può tornare utile capire il comportamento di un giocatore per rivoltarglielo contro: se per esempio è facile alla rabbia, sarà molto utile trovare dei piccoli espedienti per farlo arrabbiare ancora di più, come mostrargli i tuoi bluff; se invece è un giocatore incline ad avere paura in determinate circostanze, risulta logico che torna a nostro vantaggio ricreare il più possibile proprio quelle circostanze.

Nel secondo caso bisogna imparare a non mostrare cedimenti emotivi, oppure addirittura a fingerne qualcuno per indurre l’avversario a pensare la cosa sbagliata sul tuo conto. Uno dei metodi più apprezzati ed efficaci è considerato la meditazione. Un altro consiglio molto utile che posso darti è di non farti influenzare negativamente da delle mani negative che puoi aver giocato, che potrebbero buttarti giù di morali e farti fare le scelte sbagliate; come d’altronde, allo stesso tempo una buona mano potrebbe portarti troppo su di giri e farti azzardare un po’ troppo, esponendoti agli attacchi avversari.

Leggi anche:

Giocare a Poker: quanto è importante affidarsi all’istinto?

Poker Texas Hold’em: come non giocare una coppia d’assi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *