Cookie

Home > Primi Passi > Le tre ragioni più pericolose per perdersi nel gioco del Poker
gioco del Poker

Le tre ragioni più pericolose per perdersi nel gioco del Poker

Ognuno gestisce la propria vita come meglio crede, questo l’ho sempre pensato, e così come vale in generale vale anche per quanto riguarda il nostro caso particolare, ovvero il gioco del Poker. Eppure ci sono dei consigli, o meglio degli avvertimenti, che vorrei darti per provare a farti capire quali sono le ragioni peggiori per avvicinarsi a quello che io considero innanzitutto un magnifico sport. Sono solo pareri personali, dettati da ragionamenti logici, e tu sarai libero di seguirli oppure no.

GIOCO DEL POKER: CHE COSA NON FARE PER GIOCARE

  • La prima ragione per cui non bisognerebbe mai avvicinarsi ad un tavolo da Poker, sia esso di tornei oppure in una serata fra amici, è quella di di voler risolvere un tornaconto personale con qualcuno. A mio giudizio ti converrebbe tenere sempre fuori dal tavolo da gioco le ragioni personali della tua vita privata, per due motivi fondamentali: innanzitutto perché ci sono sempre di mezzo i soldi nel Poker, essendo un gioco d’azzardo, e potrebbe risultare spiacevole dover risolvere questioni di soldi con un amico o un parente; secondo poi perché tali ragioni personali ti farebbero giocare male, senza dubbio, perché trasportato dalle emozioni, che ti negherebbero la lucidità necessaria per giocare bene.
  • Il secondo motivo per cui non si dovrebbe ma decidere, in questo caso, di tornare ad un tavolo da Poker è per rifarsi di una perdita subita precedentemente. Si gioca a Poker per vincere, non per rifarsi: nel primo caso si focalizza l’obbiettivo e si cerca di raggiungerlo con freddezza e calcolo, nel secondo ci si trascina verso una meta dettata dall’ansia di recuperare il denaro perso, poco ottimale per ottenere un buon gioco.
  • Il terzo ed ultimo motivo è l’ansia di voler giocare a tavoli inevitabilmente al di fuori della tua portata: portando allo spasimo il desiderio di voler vincere sempre di più nel minor tempo possibile, c’è il rischio di incappare in qualche enorme batosta dalla quale sarebbe poi difficile riprendersi; non essere troppo arroganti quindi, e giocare con coscienza ed umiltà, questa è senza dubbio la giusta via da seguire.

Leggi anche:

Gioco del Poker: quanto conviene affidarsi ai libri?

Strategie Poker: impara a controllare le emozioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.