Cookie

Home > Primi Passi > Strategie poker: chi sono i “Bluff Catchers”
strategie poker

Strategie poker: chi sono i “Bluff Catchers”

Per inquadrare al meglio la figura di pokerista della quale stiamo trattando immagina di stare giocando una vera mano di Texas Hold’em con K T a cuori, e di chiamare un rilancio del tuo avversario pre-flop. Il flop poi vi regala tre carte a cuori, ed avete così la seconda miglior mano possibile: a questo punto decidete di giocare in slowplay (che vuol dire puntare poco quando si ha una mano fortissima, il contrario del bluff), poiché il vostro avversario ha la tendenza a puntare ripetutamente sia al turn che al river.

Purtroppo per voi però, il river porta la quarta carta a cuori ed il vostro giocatore di poker avversario decide di andare All In su un flop unpaired: ricordate che nel Texas Hold’em Cash Game a grandi puntate corrispondono mani forti, almeno questa è la regola. Il nostro rivale infatti non sta rappresentando altro che l’asso di cuori in mano, dal momento che noi siamo in possesso delle second nuts (la mano migliore possibile in quel momento): vedete come in questo caso o siamo di fronte ad un bluff, o al nuts.

STRATEGIE POKER: LA FORZA DELLA MANO

A questo punto, la forza della nostra mano di poker Texas Hold’em Cash Game perde tutto il suo valore assoluto, ed assume solamente valore relativo: possiamo battere solamente un bluff. Per diventare “bluff catchers” a questo punto avrai due opzioni ossia pensare: ” Ho un’ottima mano, posso fare call come minimo” oppure domandarti: “il mio avversario sta bluffando oppure no?”. In questo frangente un errore comune di molti giocatori di poker è appunto quello di pensare al bluff, e semplicemente negare la realtà dicendo “ho la seconda miglior mano possibile, non posso foldare”. Nel poker Texas Hold’em Cash Game questa è la filosofia del perdente, di chi non è in grado di accettare la realtà delle cose, magari perché aveva pregustato una buona vincita con le tre carte a cuori sul flop.

L’unica cosa da fare a questo punto è valutare sulla tua conoscenza dell’avversario e sulle basi dei poker tell, una volta che avrai ben inquadrato il tipo di giocatore capire cosa fare sarà molto più semplice.

Leggi anche:

Cash game: quando giocare aggressivi nell’Hold’em

Doyle Brunson, la leggenda dei giocatori di Poker

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.