Cookie

Home > Primi Passi > Curiosità Poker: la storia di Annette Obrestad
curiosità poker

Curiosità Poker: la storia di Annette Obrestad

Pensavi che il poker fosse un fatto di soli uomini? Ebbene ti sbagliavi, nel mondo del poker le “quote rosa” sono in costante aumento. Sono sempre di più infatti le donne che si affacciano al mondo del poker anche e soprattutto grazie alle piattaforme di gioco on line, che oggi danno la possibilità a tutti in qualsiasi parte del mondo di godersi una partita a poker nel caldo e confortevole ambiente casalingo.

Oggi parleremo proprio di una ragazza norvegese che per scacciare la noia del suo grigio paese di provenienza all’età di appena quindici anni cominciò a giocare a poker  in rete: forse non sapeva che di li a poco sarebbe diventata una vera campionessa, scoprendo mano a mano la sua naturale predisposizione di pokerista! La  ragazza in questione di chiama Annette Obrestad, conosciuta universalmente come “Annette_15”, nickname con cui iniziò nel 2004 – a 15 anni, essendo nata il 18 settembre 1988 – a muovere i primi passi nel mondo del poker online.

La sua città di origine, Stavanger, non offriva grandi opportunità di svago e fu così che mentendo sulla propria età pur di poter giocare cominciò a dedicarsi al poker online. Così nel giro di appena 2 anni facendo pratica cominciò ad accumulare qualche vincita di tutto rispetto tramite i piccoli tornei online di “100 $ rebuy”. Passa appena un altro anno, ed Annette mette a segno un colpo da favola, riuscendo a vincere il suo primo grande torneo live: nel settembre 2007 la Obrestad fa suo il Main Event, da 10.000$ di buy-in, delle WSOPE di Londra. In questo torneo riesce a superare la concorrenza di più di 300 avversari tra i quali campioni di tutto rispetto come Gus Hunsen.

La vittoria frutta ad Annette ben 1 milione di sterline , ed il record (tuttora imbattuto) di più giovane vincitrice di sempre di un braccialetto WSOP. Oltretutto, dopo questa affermazione, Annette si consolida come stella di prima grandezza del firmamento pokeristico internazionale. Altro che gioco per soli uomini quindi! Questa piccola donna ha dimostrato, basandosi solo sulle sue capacità, che anche il gentil sesso  può dire la sua nel poker: concentrazione, freddezza ed innata facilità di lettura dell’avversario sono le armi del suo successo.

Leggi anche:

Probabilità Poker: un utile suggerimento

Film Poker: In Time

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.