Cookie

Home > Primi Passi > Vincere al Casinò: la storia di Billy Walters
vincere al casinò

Vincere al Casinò: la storia di Billy Walters

vincere al casinò

Raccontiamo ora l’avvincente storia di Billy Walters, il primo uomo che sfidò apertamente un casinò ad Atlantic City. Egli era salito alle luci della ribalta per incarnare la classica figura dell’ “high roller” cioè colui che gioca sempre al massimo, puntando, vincendo e perdendo grosse somme di denaro.

Un giorno decise di lanciare una vera e propria sfida al Golden Nugget (famoso casinò di Atlantic City), propose cioè di depositare una somma di 2 milioni di dollari a patto che i dirigenti del casinò si impegnassero in quel frangente ad alzare il limite di puntata massima sui numeri pieni alla roulette americana. Il casinò cadde nella trappola ordita da Billy accettando la sfida, dopotutto lui era conosciuto proprio come uno che aveva perso moltissimi soldi al gioco nei casinò di Las Vegas, quale minaccia un tizio del genere avrebbe mai potuto rappresentare per il potente casinò? senza contare che la roulette americana era addirittura più vantaggiosa per il banco… Insomma ai dirigenti sembrò proprio che Billy stesse per darsi la classica “zappata sui piedi” da solo, e commisero il grosso errore di sottovalutare la sua furbizia di giocatore!

Billy cominciò a puntare sempre gli stessi 5 numeri piazzando 2000 dollari su ognuno, i gestori del casinò già cantavano vittoria vedendo che puntava diecimila dollari a colpo, ma si accorsero che azzeccava i pieni un po troppo spesso rispetto alla norma, ma ormai il danno era fatto: il nostro arguto giocatore aveva infatti individuato una roulette difettosa nel casinò e l’aveva scelta per la sua sfida! Lui e il suo socio giocarono per 2 giorni per un totale di 18 ore e vinsero tantissimi soldi, 3.800.000 dollari. Da quanto sappiamo Billy aveva mandato in quel casinò alcuni dei suoi osservatori di fiducia a studiare le roulette per poi recarvisi lui stesso a lavoro finito, riuscendo a sfruttare brillantemente la serie di numeri che gli avevano fornito: 7, 10,  20, 27 e 36.

Leggi anche:

Vincere al Casinò: la storia di Scott Lang

Giocare alla roulette: la strategia degli Orfanelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.