Home > Primi Passi > Vincere al Casinò: la storia della banda del Ritz
vincere al casinò

Vincere al Casinò: la storia della banda del Ritz

Due teste sono meglio di una, come si suol dire, beh pensate invece se le teste diventano tre cosa si può combinare… E’ il caso di due ragazzi serbi ed una ragazza ungherese, tre menti brillanti che dimostrarono ancora una volta che il giocatore può battere il banco, ma come? attraverso la tecnologia, l’elettronica e un pizzico di genialità!

Se avessero tentato la fortuna giocando in qualche piccolo e sperduto casinò forse oggi sarebbero ancora nell’anonimato, ricchi sfondati a consumare i loro giorni ed i loro patrimoni in qualche suadente paradiso tropicale del pacifico sorseggiando mojito sulla spiaggia, ma vollero fare le cose in grande testando il loro metodo nel famoso “Ritz” di Londra al fine di provare maggiore soddisfazione nello sbancare le roulette del più prestigioso casinò di Londra anzi che una sala da gioco qualsiasi.

Ma veniamo ora ai fatti, i nostri ragazzi utilizzarono:

  • Un telefonino abbastanza piccolo da stare nascosto nel palmo di una mano, dotato di un laser scanner che fosse in grado di registrare la velocità della pallina nei primi giri
  • Il telefonino elaborava quindi il settore di caduta della pallina
  • Comunicava a questo punto i due numeri su cui puntare

VINCERE AL CASINO’: CHI LA DURA LA VINCE

Il giocatore che teneva il congegno faceva la puntata su uno dei due numeri mentre gli altri due, posizionati in diverse parti del tavolo, capivano in base al settore di puntata del loro compare quali erano gli altri 5-6 numeri possibili su cui dovevano tentare. La presenza della ragazza inoltre contribuiva, con le sue curve e la scollatura, a distogliere l’attenzione su quanto stava accadendo; una vera e propria scena da film quindi, ma qui non si trattava di finzione e giocata dopo giocata i tre accumularono vincite per più di un milione di sterline in soli due giorni. La banda del Ritz colpiva forte giocando per i massimi consentiti dal tavolo senza farsi troppi problemi, ma come sappiamo chi vince troppo in un casinò finisce sempre per diventare l’osservato speciale… I gestori del casinò in cerca di una soluzione si misero a scrutare con attenzione le registrazioni delle telecamere di sicurezza ed in particolare il ragazzo che faceva tutto con una mano sola (nell’altra teneva infatti il telefonino).

I gestori decisero di contattare Scotland Yard per indagare sull’accaduto, fu così che i conti della banda vennero congelati in attesa del termine delle indagini, ma i nostri bravi ragazzi alla fine la spuntarono dimostrando che quello che avevano fatto non era illegale e gli fu restituito tutto il materiale ed il denaro!

Leggi anche:

Vincere al Casinò: la storia di Gonzalo Garcia Pelayo

Strategie roulette: il metodo Biloxi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *