Cookie

Home > Primi Passi > Strategie Poker: come si gioca il 5 card Stud
strategie poker

Strategie Poker: come si gioca il 5 card Stud

Oggi vi presentiamo il 5 card Stud, specialità che prima della diffusione del poker Texas Holdem risultava tra le più praticate. E’ una specialità che troverai in molte poker room online ancora oggi. Si tratta di un gioco a carte scoperte (dall’inglese Stud), sul gioco influisce quindi una gran dose di fortuna e rischio e la strategia da adottare sarà modificata proprio in base al fatto che quasi tutte le carte in gioco sono visibili. Questa specialità ha poi la caratteristica che gli ante (quantità standard di fiche da puntare prima di una mano) sono obbligatori ne consegue che quando si inizia a giocare il piatto è già cospicuo.

La velocità di pensiero stà alla base del gioco, infatti rivestono qui molta importanza i calcoli della probabilità sulle carte scoperte degli avversari, in particolare vanno calcolate le Pot-Odds cioè la possibilità combinata di vincere una mano e la quantità di chips che bisogna rischiare per vincere la stessa: se il gioco non vale la candela è meglio foldare. L’aspetto psicologico è altrettanto importante, conoscere la reputazione dei nostri rivali ci aiuterà a prevedere cosa faranno.

In linea di massima quando ci si siede ad un tavolo con molti giocatori è bene giocarsela “tight” cioè in modo conservativo e selettivo. Mantenete basso il profilo e foldate le mani con bassa possibilità di vittoria, aspettate invece la vostra mano forte per tentare il colpaccio. La pratica del bluff deve essere tutta volta alle fasi iniziali con l’intento di allontanare gli avversari dalla partita, in seguito trattandosi di un gioco così allo scoperto, sarà molto difficile piazzare bluff di successo.

Leggi anche:

Strategie Poker: come si gioca il Razz

Film Poker: Il re del poker

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.